L'economia capitalista si basa sul libero scambio. L'immagine speculare del mito del "comunismo oppressivo" è il mito del "capitalismo liberatore". L'idea che tutti noi facciamo costantemente scelte libere in un mercato abbondante dove i bisogni di tutti sono soddisfatti è completamente confutata dall'esperienza di centinaia di milioni di persone.

Perché si ignora l'oppressione causata dal capitalismo? Perché si ignora l'oppressione causata dal capitalismo mentre si aumenta quella causata dal comunismo (anche se non è vero)? L'oppressione causata dal capitalismo viene ignorata perché si vive sotto il capitalismo. Gli Stati che aderiscono a un'ideologia creano narrazioni dogmatiche.

Cosa c'è alla base dell'oppressione delle donne sotto il capitalismo?

Infatti, i ruoli di genere, le disuguaglianze e le aspettative che corrispondono alla struttura familiare, e la posizione ineguale delle donne nella forza lavoro che li rafforza, costituiscono la base dell'oppressione delle donne nella società capitalista.

Qual è l'oppressione specifica delle donne sotto il capitalismo?

L'oppressione specifica delle donne sotto il capitalismo sta nel loro doppio ruolo nella società capitalista. Le donne sopportano il peso del lavoro domestico mentre occupano una posizione subordinata nella produzione sociale. Questi due aspetti si rafforzano a vicenda. Lavorando nelle fabbriche, negli uffici, ecc. le donne svolgono un lavoro sociale.

Qual è la differenza tra capitalismo e patriarcato?

L'oppressione delle donne è molto antica: è precedente al capitalismo, che è anche un sistema di oppressione, ma di natura più globale. Il patriarcato può essere definito semplicemente come l'oppressione e l'oggettivazione delle donne da parte degli uomini.

Il femminismo perpetua l'oppressione maschile?

Non riconosce in alcun modo che l'oppressione delle donne è perpetuata dai rapporti di produzione sotto il capitalismo ed è quindi direttamente radicata nello sfruttamento della classe operaia, e che gli atteggiamenti degli uomini verso le donne derivano da questa base materiale. Il femminismo attribuisce al maschilismo un ruolo naturale ed eterno che solo le donne possono superare.

Cosa c'è alla base dell'oppressione delle donne?

La base dell'oppressione della donna è la sua vulnerabilità durante la gravidanza e il parto. Per una parte di questo periodo non può lavorare se non per portare il bambino, e per la maggior parte di questo periodo può lavorare solo parzialmente e si sente mentalmente e fisicamente più debole.

Quali sono le radici dell'oppressione secondo Marx?

I marxisti, d'altra parte, sostengono che tutte le forme di oppressione hanno le loro radici nell'organizzazione economica della società capitalista e nelle strutture di potere e controllo che la accompagnano e la rafforzano. Questo approccio è spesso contestato in quanto "riduce" l'oppressione ai rapporti di classe o sminuisce la sua importanza.

C'è un legame tra oppressione e schiavitù?

Questo legame tra l'oppressione delle donne e l'oppressione degli schiavi ci porta ad un'altra classe di teorici non marxisti e non critici, contemporanei di Karl Marx, che tuttavia avevano chiaro l'"oppressore" e l'"oppresso": si tratta delle persone di origine africana in America.

Qual è un esempio di oppressione secondo Karl Marx?

Marx, per esempio, parlava spesso di classi oppresse - un concetto simile alla nozione di subalterno di Gramsci - riferendosi al proletariato, ai disoccupati, ai contadini, ai braccianti, agli schiavi, ai servi della gleba, ecc. L'oppressione particolare divide la classe operaia, o qualsiasi altra classe oppressa, tra di loro.

Qual è la relazione del marxismo con il genere e la razza?

Il marxismo aveva una relazione complessa con l'oppressione non di classe, come il genere e la razza. Per la maggioranza, il materialismo storico è "cieco alla razza" e "cieco al genere", fornendo una spiegazione solo dello sfruttamento di classe.